I nuovi pulsanti di GMail

Image representing Gmail as depicted in CrunchBase

Image via CrunchBase

I nuovi pulsanti di Gmail hanno creato molto movimento fra gli utenti.

La barra pulsanti di GMail

Anche io sono rimasto abbastanza perplesso osservandoli la prima volta. Sono parecchi pulsanti, piuttosto appiccicati e due di questi (Label e Move) fanno un lavoro abbastanza simile, cioè attaccare un’etichetta a un messaggio. Label aggiunge l’etichetta richiesta, mentre Move fa lo stesso rimuovendo l’edichetta Inbox, cioè levando il messaggio dalla casella di posta in arrivo.

Oltre  a dubbi funzionali, sono rimasto perplesso per il fatto che i pulsanti sono non standard, cioè non sono visualizzati come i pulsanti di Safari in blu con i bordi arrotondati.Le etichette di GMail

La stilizzazione eccessiva del contenuto è sempre stata una cosa che ho deprecato, così come ho sempre apprezzato la laconicità dell’interfaccia di GMail che è un modello di sintesi e potenza.

Con un visual apparentemente spartano, GMail è uno dei client di posta più potenti del ciberspazio, quello che è indispensabile per un power user come me, che apprezza il threading automatico e la ricchezza di acceleratori da tastiera.

Io uso i comandi di vi, j e k per muovermi sui messaggi, u per tornare alla lista, y per archiviare e x per marcare, insomma uso tutti gli acceleratori definiti, così come uso tutte le combinazioni di tasti che il Mac offre.

Le interfacce grafiche sono belle, ma quando ci si plasma sulle applicazioni che si usano più spesso si è più produtivi con la tastiera. Allo stesso modo non ho visto nessuno più veloce a completare una form di inserimento dati dei terminalisti AS/400.

Tornando ai pulsanti di GMail, sembra che la stilizzazione sia stata appena ritoccata e forse non è poi così tremendo avere i nuovi pulsanti, mentre è interessante leggere le motivazioni dietro la creazione di un nuovo elemento di interfaccia.

L’articolo di stopdesign illustra le ragioni che hanno indotto Google a pensare di avere bisogno di comandi più potenti e flessibili per l’interfaccia.

Per esempio, non si può negare che è difficile avere un pulsante che apre un elenco di caselle di spunta con un box di ricerca.

Reblog this post [with Zemanta]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...