L'inganno del web 2.0

Un coccodrillo scostante su Friendfieed e un ricordo un po’ più affettuoso da parte di un amico di rete dai tempi dei modem a 2400 baud avevano attirato la mia attenzione su un personaggio che ho ritrovato nella libreria di un amico sociologo. Ho letto quindi avidamente il libro, con la curiosità di vedere che cosa si nascondesse dietro un personaggio controverso, che chissà come non mi era familiare.

Molto brevemente, non c’è pagina del libro sulla quale in definitiva io non sia d’accordo e, se ci sono chiose da fare, si può parlare di quello che è stato lasciato fuori dal mirino.

Non ci sono dubbi, per incominciare, sul fatto che la blogosfera italiana sia un circolo di poche persone, sostanzialmente autoreferenziali e che, in massima parte si possono lasciare fuori dalla reading list, o quantomeno in fondo, senza compromettere la propria crescita. Diversi mesi di frequentazione assidua di FriendFeed e di lettura dei feed mi hanno convinto del fatto che non avere trovato tesori non dipende dalla malaccortezza nel ricercare.

D’altra parte, se pure il web 2.0 è prodigo di promesse e avaro di risultati, restano due punti da considerare.

Il primo è che Internet è sempre Internet, lo spazio di informazione facilmente reperibile che abbiamo sempre amato e usato con profitto dai tempi in cui era una comunità un po’ più ristretta di scienziati e esperti di programmazione e non si chiamava web. Il ruolo di internet come le ruote per la mente non è in discussione.

Il secondo punto è che ci sono delle novità, ben descritte nel libro, che vanno su due filoni: l’aumento di affluenza alla rete consentito da tecnologie di pubblicazione sempre più amichevoli e la perdita di terreno dei media tradizionali.

La somma degli ultimi due fattori è una proliferazione di fuffa che non è minimamente contrastata dalla blogosfera e investe di ritorno anche i media tradizionali, come nel caso dei giornali che sempre più spesso stampano notizie quasi vere prese da fonti su Internet.

Tracciare la conoscenza è un problema sempre maggiore e una disciplina poco insegnata e poco praticata, anche in ambito universitario, come si sottolinea nel libro.

Se il web degli anni ’90 fosse stato quello del progetto Xanadu, di cui abbiamo parlato, e non quello di Tim Berners-Lee, il tracciamento sarebbe stato automatico, ma la rete ha giustamente scelto la strada meno involuta tecnicamente.

I problema di tracciare l’informazione è ben posto e svolto nel libro e bene fa la presentazione del libro sul sito Laterza a concentrarsi su questo punto, sicuramente, sarà un tema importante dell’evoluzione tecnologica nel prossimo futuro, non solo perché è importante socialmente risolvere questo problema, ma anche per una forza più potente: la pigrizia.

Non abbiamo infatti il tempo e le energie di rileggere per la centesima volta il copia e incolla della stessa notizia o di derivati man mano che i blogger più disparati si imbattono nelle tracce di una certa informazione. Nessuno ha il tempo e le energie per accumulare derivati tossici, stavolta di informazioni. Quindi il problema sarà risolto nei prossimi anni.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...