Time management

Un po’ come Omar Khayyam diceva (nella traduzione di Massimo Spiritini)

Con tutto il mio studiare io non trovai
che una cosa quaggiù profonda: il vino.

Io mi sento di dire che tutto quello che so di time management è espresso da questa vignetta

devi essrere dell'umore giusto
devi essrere dell'umore giusto

Buon compleanno HAL

 

Grande film di Kubrick. Qui Dave è penetrato nel'interno di HAL 9000
Grande film di Kubrick. Qui Dave è penetrato nel'interno di HAL 9000

HAL, il cattivo di 2001 odissea nello spazio è nato nel 1992, il 12 gennaio a Urbana, Illinois.

“I am a HAL 9000 Computer Production No. 3. I became operational at the H—A—L plant in Urbana, Illinois on the 12th of January, 1992.”

Come tutti i computer ha le sue criticità e le sue idiosincrasie, soprattutto non accetta critiche o dubbi sulla sua infallibilità.

Io ho visto quel film sei volte al cinema.

“just what are you doing Dave”

Il riscaldamento globale è importante?

Un bellissimo video sui rischi del riscaldamento globale, un tema forse lontano in questi giorni, ma sempre attuale.

Si tratta anche di un modo interessante di presentare i temi e creare interesse in un filmato scientifico.

 

Vi ricordo l’attivissimo network games per tutto quello che riguarda l’approfondimento dei temi del riscaldamento globale e dell’uso delle risorse.

Better than free, di Kevin Kelly

Un saggio molto interessante su internet, la copia e l’unicità, con implicazioni interessanti in termini di marketing e economia.

Si inizia dalla considerazione che

“Our digital communication network has been engineered so that copies flow with as little friction as possible. Indeed, copies flow so freely we could think of the internet as a super-distribution system, where once a copy is introduced it will continue to flow through the network forever, much like electricity in a superconductive wire. We see evidence of this in real life. Once anything that can be copied is brought into contact with internet, it will be copied, and those copies never leave. Even a dog knows you can’t erase something once its flowed on the internet.”

La premessa è molto interessante e la conclusione è logica:

“I have an answer. The simplest way I can put it is thus:

When copies are super abundant, they become worthless.
When copies are super abundant, stuff which can’t be copied becomes scarce and valuable.”

Infine il saggio esamina otto direttrici su cui può svilupparsi il valore legato all’unicità. Come tutti i saggi provocatori sarà parzialmente vero e sicuramente interessante da approfondire.

Soprattutto, chissà se arriverà anche alle case discografiche questa consapevolezza dell’inutilità del tentativo di arginare la copia. Nel testo si fa riferimento al desiderio del pubblico di compensare le star, per lasciare un segno.

Si citano come esempio i Radiohead, che hanno preso una media di cinque dollari per download mettendo in linea un disco a offerta libera. Cinque dollari è sempre stato il mio limite personale per l’acquisto di un cd prima di un download di prova.

Il Corriere della sera, per contro valuta un fiasco l’iniziativa dei Radiohead, ma i dati a spanne sono confrontabili. Probabilmente il giudizio negativo è dato da due fattori: il grande numero di download senza pagamento e il basso compenso per download, ma si sottovaluta il fatto che chi ha scaricato il disco senza pagare lo avrebbe comunque fatto lo stesso e che il prezzo di 5 sterline è esattamente quello che io pagherei un cd per il piacere di averlo e rigirarlo fra le mani mentre ascolto la musica. A venti euro a copia non posso considerare l’acquisto.

Una cosa interessante è che la pubblicità non entra minimamente nell’equazione, mentre la catena di distribuzione è inutile. E il marketing?

Ritagliare una registrazione dal vivo

Creative Commons License
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Quando si suona in un gruppo è molto utile riascoltare le prove per comprendere gli errori, capire cosa funziona e cosa no e discutere modifiche agli arrangiamenti.

Non tutti i musicisti sono grandi esperti di computer e molti sopravalutano la difficoltà di fare un buon lavoro di editing sulla registrazione, in realtà, come vedremo in questo articolo possiamo fare un ottimo lavoro facilmente e senza comprare software a pagamento.

Il software

Il programma di cui abbiamo bisogno per operare si chiama Audacity,è un’applicazione a sorgente apertom quindi la possiamo scaricare gratuitamente dal sito di sviluppo ospitato su SourceForge.

L’installazione del programma è lineare come qualsiasi installazione contemporanea.

La registrazione annotata con etichette che delimitano le sezioni
La registrazione annotata con etichette che delimitano le sezioni

Per questioni di copyright Audacity non integra un codificatore Mp3, conviene quindi scaricare il codificatore open source Lame, seguendo le istruzioni fornite nella documentazione di Audacity.

Anche Lame è ospitato su SourceForge. Lame comprime l’audio con un algoritmo che è brevettato (la compressione Mp3), quindi sulla pagina di sviluppo troviamo solo i sorgenti del programma. Per trovare l’eseguibile per Windows o il Mac conviene seguier uno dei link proposti dal sito, per esempio questo, scegliendo il primo collegamento che punta a un archivio che contiene la libreria dinamica di compressione e un eseguibile da riga di comando che può essere usato da chi ne è capace.

L’archivio va scompattato in una posizione qualsiasi del disco, Audacity ci chiederà dove si trova la libreria lame_enc.dll quando sarà il momento.

Segmentare la registrazione

Supponiamo di avere lasciato il registratore aperto per tutta la serata durante le prove in sala, magari usando uno dei registratori digitali di cui parlo in questo articolo, come l’ottimo Zoom H2. Dal computer o dal registratore digitale potremo scaricare un enorme file wav con un’ora o più di registrazione. Questo file lo vorremo segmentare tagliando tutte le pause e i silenzi e separando le canzoni una dall’altra.

Per fare questo dovremo aggiungere una traccia speciale alla traccia audio già aperta con Audacity, una traccia per le etichette (label track). La figura seguente mostra come aggiungere questa traccia alla registrazione.

Aggiungere una traccia etichette a una registrazione
Aggiungere una traccia etichette a una registrazione

La label track permette di dare un nome alle sezioni selezionate col mouse nella traccia audio. Le selezioni si possono modificare agendo sui pallini che ne delimitano gli estremi, quindi si possono selezionare le tracce in modo grossolano con uno zoom molto indietro, quindi si possono regolare i punti di inizio e di fine delle selezioni guardando la forma d’onda più da vicino.

Continua a leggere “Ritagliare una registrazione dal vivo”

Come allacciarsi le scarpe

Beh, dovremmo saperlo tutti all’età in cui si inizia a bloggare, però la guida all’allacciatura delle scarpe che si trova a questo indirizzo è veramente interessante.

Come al solito esistono mille modi di fare una cosa di cui una decina sono fantastici, anche raccogliere schemi di allacciatura in una maniera così professionale è un lavoro fantastico.

Grazie per il link alla tartaruga tecnologia, che secondo Yahoo Site Explorer è uno dei link che puntano verso il bar.

Come allacciare le scarpe in tanti modi creativi diversi


Ritornando agli schemi di allacciatura, io trovo interessante quello riportato qua sopra per una buona ragione: sciogliendo il nodo si dovrebbe aprire molto rapidamente l’imbocco della scarpa, come si conviene per la pazienza dei bambini di dieci anni.

Oxite, un motore CMS open source da Microsoft

Microsoft ha creato piattaforma di pubblicazione open source chiamata Oxite e la sta utilizzando per il sito del convegno Mix09.
C’è sicuramente bisogno di strumenti per creare sistemi di gestione del contenuto su misura, vediamo come si comporta questo.